Tabellini 2018-2019

[ Calendario ]

 
Campionato Promozione Girone "E"
9° giornata - 04/11/2018
 
RIVOLTANA - S. ANGELO      2 - 3
Marcatori : 14’ pt Ruci, 29’ pt Constantin su rigore, 40’ pt Odi, 4’ st Cristarella, 21’ st Odi
 
Formazioni :
RIVOLTANA : Kasyan, Biava, Albani (1’ st Cristarella), Bosisio (30’ st Divella), Teruzzi, Dorigo, Riva, Ruci, En Naciri (46’ st Negroni), Colombo (22’ st Legramandi), Achab.
Allenatore : Bonomi
 
S. ANGELO : Italiano, Vigorelli, Bolzoni (1’ st Bontempi), Milani, Dragoni, Fondrini, Greco, Bertin (15’ st Toscani), Odi, Constantin, Merenda (21’ st Giambelluca; 41’ st Spaneshi).
Allenatore : Tanelli
 
Arbitro : Steffenoni di Bergamo
 
Note : spettatori: 200 circa; ammoniti: Kasyan, Bertin, Biava, Colombo, Milani;
 
GIRONE E I rossoneri strappano in trasferta tre punti preziosi che valgono il ritorno al secondo posto
Il Sant’Angelo non muore mai, la Rivoltana si arrende a Odi

RIVOLTA D’ADDA Il Sant’Angelo non muore mai, ma quanto si complica la vita a Rivolta. I rossoneri strappano in trasferta una vittoria importantissima, che consente di rosicchiare punti all’Union Basso Pavese e all’Atletico Sangiuliano riportandosi in seconda posizione. Una partita combattuta: perché è vero che i rossoneri davanti creano e finalizzano, ma dietro concedono due gol evitabili che finiscono per condizionare tutto l’andamento della partita. Bravo Tanelli a gestire una formazione camaleontica, che cambia assetto e modulo in base alle necessità: inizia con il 4- 3-3, passa a un più spinto 4-2-4 quando sul 2-2 c’è da provare a vincere e in un finale piuttosto caotico passa alla difesa a cinque per tutelare tre punti davvero pesanti. A influire sulla prestazione di certo anche le energie spese in settimana nel turno di Coppa Italia, ma in fin dei conti i barasini tengono botta, spinti da un Roberto Odi in formato extra lusso. La prima occasione è di marca santangiolina, quando proprio Odi innesca Merenda mettendolo davanti al portiere, ma l’esterno rossonero si divora un gol praticamente già fatto. Sul ribaltamento di fronte Italiano smanaccia in corner un tiro non irresistibile e sul cross in mischia la difesa si fa sorprendere consentendo a Ruci di trovare la deviazione vincente. Sebbene i padroni di casa non creino grandi grattacapi, il Sant’Angelo su campo gibboso fatica a far girare la palla. Ci vuole così il guizzo di Constantin per trovare il pareggio: al 29’ è proprio l’attaccante barasino a sgusciare sulla destra venendo atterrato dal portiere Kasyan al momento di tirare. Seffenoni di Bergamo ha la visuale diretta e decreta subito il rigore che lo stesso Constantin trasforma. Una decina di minuti di nulla, poi i rossoneri mettono la freccia e sorpassano: bel lavoro di Constantin sulla destra, palla che arriva a Odi bravissimo a coordinarsi al volo e a battere imparabilmente il portiere per il 2-1. La ripresa comincia con il piede sbagliato, perché la difesa è superficiale in alleggerimento e Bertin è costretto al fallo dal limite: dell’esecuzione si incarica il neo entrato Cristarella che infila Italiano nell’angolino basso. Si scatena a questo punto Odi che prova a segnare in un paio di occasioni, poi Tanelli non lesina e inserisce un quarto attaccante (Toscani) al posto di un centrocampista (Bertin). Azzardo premiato perché il Sant’Angelo trova di nuovo il vantaggio al 21’ con l’inzuccata vincente di Odi sugli sviluppi di un corner. Toscani nel finale sbaglia il colpo del ko, poi c’è da soffrire. Ma si soffre e si gioisce.
Aldo Negri

Articoli Tratti da "Il Cittadino" del 05/11/2018